Visitatori on-line:

Visitatori di oggi:

Visitatori totali:
 
Prima pagina
 
Domenica 30 Ottobre

Napolitano Giorgio: Vergogna!

Quando Napolitano disse: “in Ungheria l’URSS porta la pace

 

Fonte e link: http://voxinsana.blogspot.it/2014/01/quando-napolitano-disse-in-ungheria.html

Nel 1956, all’indomani dell’invasione dei carri armati sovietici a Budapest, mentre Antonio Giolitti e altri dirigenti comunisti di primo piano lasciarono il Partito Comunista Italiano, mentre “l’Unità” definiva «teppisti» gli operai e gli studenti insorti, Giorgio Napolitano si profondeva in elogi ai sovietici. L’Unione Sovietica, infatti, secondo lui, sparando con i carri armati sulle folle inermi e facendo fucilare i rivoltosi di Budapest, avrebbe addirittura contribuito a rafforzare la «pace nel mondo»…

Giorgio Napolitano nel nov. 1956: Come si può, ad esempio, non polemizzare aspramente col compagno Giolitti quando egli afferma che oltre che in Polonia anche in Ungheria hanno difeso il partito non quelli che hanno taciuto ma quelli che hanno criticato? E’ assurdo oggi continuare a negare che all’interno del partito ungherese – in contrapposto agli errori gravi del gruppo dirigente, errori che noi abbiamo denunciato come causa prima dei drammatici avvenimenti verificatisi in quel paese – non ci si è limitati a sviluppare la critica, ma si è scatenata una lotta disgregatrice, di fazioni, giungendo a fare appello alle masse contro il partito. E’ assurdo oggi continuare a negare che questa azione disgregatrice sia stata, in uno con gli errori del gruppo dirigente, la causa della tragedia ungherese.

Il compagno Giolitti ha detto di essersi convinto che il processo di distensione non è irreversibile, pur continuando a ritenere, come riteniamo tutti noi, che la distensione e la coesistenza debbano rimanere il nostro obiettivo, l’obiettivo della nostra lotta. Ma poi ci ha detto che l’intervento sovietico poteva giustificarsi solo in funzione della politica dei blocchi contrapposti, quasi lasciandoci intendere – e qui sarebbe stato meglio che, senza cadere lui nella doppiezza che ha di continuo rimproverato agli altri, si fosse più chiaramente pronunciato – che l’intervento sovietico si giustifica solo dal punto di vista delle esigenze militari e strategiche dell’Unione Sovietica; senza vedere come nel quadro della aggravata situazione internazionale, del pericolo del ritorno alla guerra fredda non solo ma dello scatenamento di una guerra calda, l’intervento sovietico in Ungheria, evitando che nel cuore d’Europa si creasse un focolaio di provocazioni e permettendo all’Urss di intervenire con decisione e con forza per fermare la aggressione imperialista nel Medio Oriente abbia contribuito, oltre che ad impedire che l’Ungheria cadesse nel caos e nella controrivoluzione, abbia contribuito in misura decisiva, non già a difendere solo gli interessi militari e strategici dell’Urss ma a salvare la pace nel mondo.

«Napolitano non venga a Budapest. Con il Pci appoggiò i russi invasori», tratto da il Giornale, 26.5.2006.

Un portavoce dei superstiti: “Tardivo il suo ripensamento, chi pagò con la vita non vorrebbe essere commemorato da lui”.

Hanno perdonato Boris Eltsin, erede dei loro carnefici. Potrebbero, sforzandosi, mandar giù anche un boccone indigesto come Vladimir Putin «l’opportunista» ma Giorgio Napolitano no, proprio no. Il nostro presidente della Repubblica non merita sconti e in Ungheria non deve andare. Soprattutto in quei giorni, nel prossimo autunno, in cui a Budapest si ricorderanno i 50 anni dell’invasione sovietica. A lanciare il diktat è un gruppetto sparuto ma autorevole di magiari, quelli raccolti intorno a «56 Alapitvany» (Fondazione ’56). Sono in diciannove, tutti accomunati dallo stesso destino: essersi ribellati agli occupanti venuti da Mosca e aver pagato per questo con duri anni di galera.

Per questo, l’altroieri, sono insorti quando hanno saputo che il presidente ungherese Laszlo Solyom aveva invitato per il prossimo autunno a Budapest anche Giorgio Napolitano. In nove hanno firmato una lettera-appello per chiedere che Napolitano non venga. O se proprio ci tiene a visitare l’Ungheria, lo faccia prima o dopo le commemorazioni. Facendo riferimento alla posizione presa dal Pci nel 1956, la lettera afferma che il documento di allora offrì sostegno internazionale ai sovietici che «repressero nel sangue il desiderio di libertà dell’Ungheria». E Laszlo Balazs Piri, tra i nove firmatari dell’appello, membro del board della Fondazione, già condannato a 3 anni e 6 mesi di reclusione per la sua partecipazione alla rivolta, rilancia: «Purtroppo i governi dei grandi Paesi occidentali non poterono aiutarci. L’opinione pubblica dei Paesi liberi era accanto a noi. Nello stesso tempo, però, in Paesi come Italia e Francia i Partiti comunisti erano allineati a Mosca. Furono d’accordo con questa resa dei conti sanguinosa contro la lotta di liberazione ungherese. Napolitano a quel tempo non era un bambino e aveva un’opinione».

A poco vale per i «reduci» della repressione sovietica il ripensamento del presidente italiano. Un dietrofront tardivo, sostengono. E Balasz Piri è categorico: «La comunità dei veterani del 1956 sente che quest’uomo non deve partecipare alle commemorazioni del ’56 ungherese. Chissà cosa direbbero quelli che sono stati impiccati in seguito alla repressione».

Il 26 settembre 2006, a Budapest, Napolitano ha reso omaggio alle vittime della rivoluzione del 1956, soffocata nel sangue dai carri armati sovietici. In quell’occasione ha detto: “Ho reso questo omaggio sulla tomba di Imre Nagy a nome dell’Italia, di tutta l’Italia, e nel ricordo di quanti governavano l’Italia nel 1956 e assunsero una posizione risoluta, a sostegno dell’insurrezione ungherese e contro l’intervento militare sovietico”. Non una dichiariazione sulle responsabilità sue e dei suoi «compagni» di partito, non una richiesta di perdono alle vittime (forse 25.000), non un’affermazione che defisse il comunismo «male assoluto».

IL NOSTRO COMMENTO: Napolitano Giorgio: una persona che dovrebbe essere immediatamente allontanata dall’Italia. Purtroppo siede ancora in Parlamento! Vergogna Italia!



Leggi l'argomento completo

  BENVENUTI IN QUESTO SITO! 
(ABBIAMO SUPERATO 228.000 VISITATORI !)
In data 21 Dicembre 2007 ho voluto varare questo sito per dare il mio modesto contributo alla  conoscenza dei posti e dei luoghi della Ns bella Calabria, ancora,  per molti,  terra sconosciuta. Il nome da dare al sito è stato un po' sofferto. Si è deciso, infine, di battezzarlo: "www.calabriafotoweb.it" Le perplessità nascevano dal fatto che il sito non si occupa solo di foto e video della Calabria, ma, allunga l'obiettivo anche fuori. Un utile corollario a questo sito  è  Calabria  history da me realizzato in data 22 gennaio 2008. Calabriafotoweb contiene altre due sezioni che riguardano: Argomenti vari  e una Sezione legale. Gli "Argomenti vari" sono una sorta di salotto dove il navigatore può rilassarsi e discutere degli argomenti più disparati, se ne ha voglia. Può scegliere tra le Catagorie l'argomento che preferisce e lasciare un commento al quale sarà data risposta. Diversamente, può ascoltare l'ottima musica che parte in automatico all'apertura del sito, selezionabile dalla finestra pop-up. Cliccando sulla X può eliminare la finestra pop-up e la musica. Momentaneamente la musica è stata disabilitata La "Sezione legale" è intesa più come una piccola bussola per orientarsi nell'intrigato mondo del diritto che uno studio legale per Avvocati. Su "Zoomate sul mondo" - alla sezione video -  troverete, tra l'altro, anche delle Candid Camera molto divertenti. Ho voluto creare, infine, "Area riservata" accessibile, mediante password , per rilassarmi quando sono stanco. Ogni Webmaster che lo richiede, può avere  uno spazio dedicato per pubblicizzare, in maniera del tutto gratuita, i video o le foto del proprio Paese , specie se  appartenente alla  Calabria. Anzi, a tal proposito, si fa espressa richiesta di foto o video della Calabria con acclusa una breve didascalia. I video, possibilmente, dovranno essere inviati in formato: flv o Mpeg2 o Mpeg4. Grazie.-
Un ringraziamento particolare lo devo agli autori di Calabriafotoweb, Gaetano e Davide,  titolari  della "AROUNDWEB", - corrente in Campo Calabro 89018 Villa S. Giovanni (RC),  Via Ginestre snc, zona ind.le  - Tel. 0965.46780 - Fax 06.89280424 - Email: info@aroundweb.it  -    che hanno  avuto la pazienza  di sopportarmi  per giorni e giorni. Ma credo che, infine, ne sia valsa la pena. Ai  posteri l'ardua sentenza ! Infine un utile consiglio: per visualizzare al meglio le foto ed i video settare il Vostro Monitor alla risoluzione di 1280x1024.  La riproduzione anche parziale dei contenuti di questo Blog - materiali fotografici e video compresi - sono consentiti solo citando la fonte e indicando il relativo URL.-

     

Pentidattilo Case

Rosa


Scilla

Gambarie:alberi

Reggio Cal.: il D...

Rosa

Chianalea

Scilla

     

GARE REGIONALI 2006

I Giardini pubblici di Reggio Cal.

Mixer Video: i migliori filmati

La Rotonda

ORTI .Verso Gambarie

Gambarie Autunno

CIRCOLO TENNIS "POLIMENI"

Saggio danza "Lady Francy" anno 2012

Gare Regionali: anno 2005

Prove di ballo Standard Classe "A2" Fernando & Vittoria:

Guarda i miei nuovi siti:

dimensioni sconosciute Clicca Qui -------------------------------------------------------------------------------------------------- dominio globale -  Clicca Qui -------------------------------------------------------------------------------------------------- Dentrolafotografia.info
 

   

Aggiungi il Banner Calabriafotoweb sul tuo sito!
 
CalabriaFotoWeb  -  Avv. Fernando Cannizzaro
 
CalabriaFotoWeb  -  Avv. Fernando Cannizzaro
Liberatoria legale per il sito www.calabriafotoweb.it | Normativa Cookie estesa